• Famiglia

    Famiglia

    Conoscere Masottina vuol dire capire il rapporto profondo che lega la famiglia Dal Bianco alla sua terra e al suo prodotto simbolo: il vino.

  • Terroir

    Terroir

    La riconoscibilità dei vini Masottina è dovuta alla capacità della Famiglia Dal Bianco di valorizzare i Terroir su cui opera portando avanti una viticoltura attenta e scrupolosa.

  • Sistema

    Sistema

    L’eccellenza enologica firmata Masottina ha la sua essenza in uno stile produttivo dove il primato dell’uomo resta ancora un fattore essenziale ed imprescindibile.

- Prodotti -

Tra storia e innovazione

I vini e gli spumanti Masottina sono i testimoni
di una grande tradizione enologica.

Spumanti

Il frutto pregiato del metodo Masottina

Dentro un calice di prosecco Masottina c’è l’unicità di un territorio e tutta l’ espressione di grande tradizione esalata da un metodo produttivo che vede l’uomo e il suo sapere perno di una qualità superiore.

Masottina - Spumanti e Vini

Vini

Il meglio del nostro territorio

La profonda conoscenza del territorio si manifesta anche attraverso una lettura coerente e a tutto tondo della vocazione del terroir dei Colli di Conegliano. La famiglia Dal Bianco è riuscita ad accendere i riflettori su altre peculiarità di questi declivi che si esprimono in bianchi e rossi di grande pregio.

Masottina Magazine
Uno sguardo sul mondo del vino attraverso i nostri occhi
L’invenzione del Banco Giro

L’invenzione del Banco Giro

I capolavori di Venezia non solo quelli che rientrano nel campo dell’arte ma anche nelle attività quotidiane più impellenti, infatti, La Serenissima è stata pioniera e maestra per la società moderna Venezia è un labirinto. Per quante pagine ne si possa scrivere, per quante volte la si possa visitare, resterebbe sempre la sensazione che qualcosa, lungo la strada, ci sia sfuggito. Troppi i suoi luoghi, i suoi costumi, i suoi monumenti, troppo diverse le vicende umane che l’hanno attraversata  

L’arte di impirar

L’arte di impirar

Tramandato di generazione in generazione, l’artigianato delle impiraresse, giovani donne che infilavano le perline di vetro di Murano in lunghi aghi, sopravvive ancora oggi dando sempre più lustro a Venezia.  Tra pettegolezzi e canti, le impiraresse sedevano attorno al campiello. Sulle ginocchia, ognuna reggeva una scatola di legno, chiamata sessola, colma di perline coloratissime prodotte nelle vicine vetrerie di Murano, le conterie. Le mani, rapide, affondavano nella cesta di fianco, raccoglievano le perline che venivano condotte verso gli aghi su cui, attraverso lunghi fili di lino o cotone, formavano le mazzette.  

Di rematori, di sogni e di delitti

Di rematori, di sogni e di delitti

Di rematori, di sogni e di delitti Ciò che è bello, a Venezia, non è mai soltanto bello: quali fantasmi si annidano tra le mura del Campiello del Remer, mentre sorseggiamo il nostro calice di Prosecco?  

Stay in touch

Segui i nostri profili social per ricevere gli aggiornamenti

Masottina - Le Rive
è sempre vicino a te!
I nostri vini
direttamente a casa tua?